Formule Di Successo Sopra

Serial formule di successo

PREMIO ALLO STUDIO VENERDI’ 23 OTTOBRE 2015 – ORE 20.30 – TEATRO DON GORINI BEDIZZOLE FORMULE DI SUCCESSO DALLA PROGETTAZIONE ALLA REALIZZAZIONE.L’ESPERIENZA DEI PROGETTI MOTORSPORT (VETTURE DA COMPETIZIONE) E SKIFF (BARCHE A VELA) DELL’UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BRESCIA A BEDIZZOLE IL DIBATTITO CON GLI STUDENTI DELL’UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BRESCIA DELLA FACOLTA’ DI INGEGNERIA  PER LA SERATA CONCLUSIVA DEL PREMIO ALLO STUDIO 2015

Anche quest’anno i protagonisti in assoluto saranno gli studenti premiati nell’ambito della 24^edizione del Premio allo Studio 2015 della Banca di Bedizzole Turano Valvestino. In questa occasione, il Consiglio di Amministrazione della BCC di Bedizzole, come dimostrato in passato, ha infatti scelto di rilanciare la propria scommessa sui giovani con ulteriore impegno economico, ampliando le 80 borse di studio previste dal regolamento fino a raggiungere 103 giovani premiati. Ad essi verranno distribuiti i 34.700 Euro stanziati dalla BCC in premi da 200 Euro (per i 16 premiati le terze medie), 300 Euro (per i 33 premiati delle scuole superiori) e 400 Euro per i 54 studenti universitari. Ancora una volta la nostra Banca sottolinea il profondo legame con il territorio, alla serata, saranno presenti in rappresentanza 25 istituti delle aree dove opera la BCC, oltre a 34 diverse facoltà universitarie del nord Italia.L’iniziativa del Premio allo Studio nasce nel 1992 come incentivo al merito scolastico. Sono in totale oltre millenovecento gli studenti che in questo lasso di tempo si sono visti riconoscere dalla BCC un premio per il proprio impegno scolastico.  “La BCC, nel corso della serata vuole sottolineare l’importanza e la strategicità del territorio, che anche in un periodo storico ed economico di difficoltà, è in grado di offrire un’ottima formazione ai giovani studenti, affiancando l’apprendimento teorico alla realizzazione concreta di progetti, consentendo agli studenti di provare sulla propria pelle quello che è il mondo del lavoro, e cosa significhi “fare squadra” per raggiungere un obiettivo comune”. La velocità, il dinamismo, la ricerca, lo sviluppo, l’ingegno, il lavoro di squadra, il sacrificio e il risultato. Sono questi gli ingredienti della formula che determina il successo dei due team della facoltà di Ingegneria dell’Università degli studi di Brescia. Il successo, è ad altissima velocità. Infatti, alla 24^ edizione del Premio allo Studio saranno presenti sia gli studenti dell’Unibs Motorsport, che nasce nel 2013 da un ristretto numero di studenti della specializzazione “Automotive” nel corso di ingegneria Meccanica dell’Università degli Studi di Brescia, che l’equipaggio composto da studenti iscritti alle varie facoltà dell’Università degli studi di Brescia del CUS Brescia Sailing Team.

PROGETTO UNIBS MOTORSPORT. Il team di studenti conta più di 50 membri e si prepara per le entusiasmanti sfide offerte dalla Formula SAE, una competizione internazionale tra universitari nata negli USA nei primi anni ’80 ed ora molto diffusa anche in Europa e nel Mondo. Nel corso della gara, gli studenti sono chiamati a ideare, progettare e realizzare una piccola auto da corsa. Una giuria di tecnici ed esperti del settore automotive assegna un punteggio basato su qualità del progetto, sicurezza, affidabilità, sulle prestazioni effettive della vettura in prove dinamiche quali accelerazione, handling ed efficienza. Infine viene dato un punteggio anche sull’analisi dei costi di produzione e viene valutato il piano di sviluppo industriale, basato sulla vettura costruita. La didattica competitiva è un’esperienza senza eguali per gli studenti dell’Università: stimola i ragazzi a dare il meglio di sé, crea spirito di gruppo e motivazione, preparando i futuri ingegneri alle sfide professionali del futuro.

PROGETTO UNIBS SKIFF. Nel 2013 al C.U.S. (Centro Universitario Sportivo) di Brescia nasce il desiderio di partecipare alla 1001 Vela Cup, che valuta la progettazione, la costruzione e lo sport. Si sviluppa quindi una competizione tra atenei, al fine di costruire interamente un’imbarcazione con la quale gareggiare contro altre squadre universitarie. Lo scafo viene costruito in fibre innovative e vegetali e l’equipaggio è composto dagli studenti universitari delle varie facoltà dell’Università degli Studi di Brescia. Il CUS Brescia Sailing Team ha partecipato ai mondiali 2010 e 2012 in Francia, in rappresentanza dell’Italia. Il progetto, in un mondo sempre più attento alla salvaguardia del nostro pianeta, è sinonimo di ecosostenibilità. La vela è uno sport in grande ascesa, che trasmette un’immagine pulita, vincente e ricca di valori positivi.